martedì 4 marzo 2008

Gli strascichi di EMMA ...

È arrivato EMMA, "l'uragano"!
Al di là del noto filmatino sull'atterraggio dell'A320 all'aeroporto, ecco altre "cosette divertenti".

Per barba: se questa foto non ti dice niente, immaginatela in una giornata piovosetta, con i banchetti del mercato e noi due che ci prendiamo un caffè sul lato destro. Eh già! È propio il Fischmarkt!

Questa non è presa qui in zona, ma è sempre riferita alla forza di EMMA.

Dulcis in fundo ... stamattina, ore 06.45 questo era quanto mi trovavo in giardino (la foto fa più schifo del solito, ma la modalità "notturna" fa quel che può ...):

Una bella spolveratina di nevischio!
Altro che cetrioli! Altro che pomodori! Qui mi tocca seminare lichene islandico e hedysarum alpinum!!!
Altro che conigli e gallinelle nei miei sogni di vita autarchica ... volpi artiche!!!

5 commenti:

  1. e un paio di ordi da prosciutto.....

    RispondiElimina
  2. ...Fishmarket? anche l'altra volta c'era un pò d'acqua! basta ripararsi all'interno!! :-))))

    RispondiElimina
  3. Sí, ma stavolta ti dovevi portare dietro la gondola :-) per andare ad ordinare una birra!!!

    RispondiElimina
  4. qui invece temperature estive, in attesa della "colata artica", così c'era scritto su di un sito meteo...

    RispondiElimina
  5. Quanto alla colata artica ... bha! Sono scettico.
    Che si sia in una fase di "mutamento climatico" è poco, ma sicuro, ma da qui all'allarmismo dilagante di cui siamo spettatori, secondo me, ce ne vuole.
    Se non vado errato Ötzi è morto sul Similaun all'epoca in cui questo NON era ancora un ghiacciaio. Due o tre anni fa si parlava di nuova era glaciale ... qualcuno ha fatto pure un film (The day after tomorrow) in merito.
    Ora può anche essere che con tutta la robaccia che buttiamo per aria si contribuisca a creare un "surriscaldamento" della terra, ma da qui a prevedere che "il permafrost che tiene insieme le montagne" (esattamente fra virgolette così come proferito da uno pseudo geologo tedesco nel corso di una trasmissione sui pericoli da surriscaldamento della terra ... e anche se talvolta il mio tedesco fa cilecca, stavolta ho chiesto ad un maderlingua che era lì con me e che ha confermato ...) si sciolga, disfacendo le Alpi o che i poli si sciolgano e una mega inondazione allaghi le zone costiere del Mediterraneo ... mi sa tanto di cavallo di battaglia per aspiranti premi Nobel che cercano di farsi pubblicità per le elezioni (non queste, ma le prossime!)

    RispondiElimina