L'insalata MONA

Certo che ne hanno di fantasia!! Non potevano semplicemente chiamarla insalata? No, ci aggiungono 'sto MONA! Ora sta a vedere a quale dei due significati più comuni del termine vogliono far riferimento:
- sarà un'abile manovra di mercato per far colpo sul richiamo sessuale e accalappiare giovani ortolani single, o
- sarà che, siccome ho provato a seminarla ormai 4 volte nel corso di 2 anni senza mai aver ricevuto il benchè minimo frutto, l'unico significato che volevano darle è quello di MONA chi semina?
NON RISPONDETE. NON LO VOGLIO SAPERE!!!
Ora c'ho provato per l'ultima volta. Mi ero deciso a buttare via i semi, ma mi son detto: provaci un'altra volta, sentiti Spongebob mentre prepara i krabburger, coccolala un po' e vedrai che arriverà. Vedremo!

Commenti

  1. Ti manca sicuramente il libro "manuale pratico per salvare i semi". Se guardi, ad esempio alla voce lattuga rileverai che: "se conservati nelle migliori condizioni possibili, al buio, in ambiente fresco e secco, i semi di lattuga si conserveranno fino a 5 anni. Altrimenti perderanno il 50% delle loro proprietà in appena 2 anni ed il 90 % in tre."
    Ergo se è già due anni che tenti di seminarli e supposto che i semi siano stati imbustati nella stagione precedente, il che fanno tre anni, allora credo che avrai uno risultato negativo. Ciao

    RispondiElimina
  2. Tuttavia erano al buio ed in ambiente fresco (sul secco non metterei la mano sul fuoco considerando Amburgo ...). Insomma, questo manuale me lo devi far consultare appena passo a trovarvi ...

    RispondiElimina
  3. Troppo divertente.
    Ognuno ha le sue bestie nere: per me è il basilico. Anni che ci provo con risultato NULLO, neanche una piantina. Quest'anno mi sono fatto portare una bustina di semi dagli US e sono al palo pure con quelli.
    funtanin

    RispondiElimina
  4. Eh già!
    Io ho scoperto una cosa interessante col basilico teutonico: i semi non li devo interrare. Li appoggio al suolo e li bagno DELICATAMENTE, subito dopo (ma è questione di secondi) il seme si ricopre di una patina. Quello è il segnale che va tutto bene. A questo punto l'unica attenzione che devo avere è quella di bagnare senza far spostare il seme ... insomma, è più facile la fusione fredda, ma i risultati si sono visti! (certo che mia figlia poteva anche dirmelo prima che il pesto fatto da me non le piaceva ...)

    RispondiElimina
  5. per non spostare il seme è sufficiente apoggiarci sopra un pezzo di tessuto non tessuto e bagnare.

    RispondiElimina
  6. Per non spostare uso lo spruzzino a pressione che va una favola! Quanto all'insalata: MONA non sono perchè stamane - INAUDITO - due esili, gracili, cerulei germogli (su +o- dieci che ne avevo buttati in terra) sono apparsi.

    RispondiElimina
  7. A proposito di terriccio da semina. Il funtanin ha detto una cosa ovvia ma non troppo. I terricci su cui seminano i produttori sono sicuramente drogati. Orbene è possibile che in tutto il cyberspazio non riusciano a trovare ilo modo di produrre un terriccio con caratteristiche analoghe??

    RispondiElimina
  8. Guarda ... voglio essere sincero fino al midollo! Ho trovato libri sulla coltivazione di tutti i possibili prodotti allucinogeni, sulla progettazione ed installazione di laboratori per la produzione di meta-anfetamine, su come costruirsi una bomba nucleare in casa, ma di terriccio da semina neanche l'ombra. Il che mi fa supporre che questo sia uno dei veri SEGRETI della nostra società post-industriale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Imparare dagli errori - cimare i pomodori

Il biotrituratore.