"Sfemminellatura" dei pomodori

Cerco di aggiungere qualcosa a quanto già detto qui.
Qui c'è un manuale tecnico, da cui mi permetto di citare:

"Allevamento in verticale.
E’ il sistema più diffuso, indipendentemente dal tipo di crescita, indeterminata o determinata. Nel primo caso l’allevamento può essere effettuato con uno o due steli, sostenuti da opportuni tutori.
Nell’allevamento a stelo singolo, il germoglio iniziale viene guidato verso il tutore e ad esso fissato man mano che cresce, con interventi di potatura continui (soppressione dei germogli ascellari, o “sfemminellatura”) fino a quando non si decida di interrompere l’accrescimento terminale con una “cimatura” .
Questa può avvenire dopo 5 infiorescenze (o palchi fiorali) nelle cultivar tipo “Marmande”, oppure dopo 7-8 palchi nelle varietà ibride.
La sfemminellatura viene effettuata quando i germogli hanno una lunghezza di 5-10 cm, per evitare di provocare ferite troppo ampie.
L’altezza della cimatura può variare anche in base alle esigenze produttive e di interruzione della raccolta. L’allevamento a stelo singolo garantisce un buon accrescimento dei frutti ed una adeguata aerazione della vegetazione, con vantaggi di ordine sanitario."
In pratica, quindi:

prima

dopo

Commenti

  1. sfemminellatura ovvero la lotta continua. Un'attività costante soprattutto se hai molte piante.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. gasp..
    non assomiglia per niente al pomodoro che dovremmo avere nella fossa della cicoria..

    già..
    già..

    RispondiElimina
  3. grazie mille !!!!! è la prima volta che faccio l'orto e coltivo pomodori ho cercato ovunque e se ne parlava molto di sfemminellatura ma non capivo quale parte della pianta era ..ma con questa immagine mie stata di aiuto Grz 1000 ! :-)

    RispondiElimina
  4. Vai sereno! W la libera condivisione della conoscenza!!!

    RispondiElimina
  5. ...Sinceramente... non ho capito!!!
    La foto è chiara, un po meno il concetto.
    Mi spiego: devo eliminare solo quel piccolo germoglio o tutto il rametto?
    Scusate la mia ignoranza.

    RispondiElimina
  6. @ Giovanni: quella fogliolina all'ascella. Solo quella. Se non la togli non rimane una fogliolina, ma diventa un rametto ... con foglie e fiori e frutti.

    RispondiElimina
  7. signorino-luca10 giugno 2010 20:15

    sei un matto superdisponibile ... :-)

    RispondiElimina
  8. signorino luca13 giugno 2010 16:19

    Ciao Matto ! :XD scusa se ti disturbo ma sono preoccupato e da come penso tu sei esperto...ho notato che sulle mie piante di pomodoro sia che sui rami che sulle foglie ci sono molti insetti neri e piccoli mi devo preoccupare? cosa posso usare per farli sparire?..le piante crescono bene ma non mi piace vedere quei cosi..se puoi aiutarmi ti rigrazio ciao !!!!

    RispondiElimina
  9. Detto così potrebbero essere afidi; o qualsiasi altra cosa.
    Se sei proprio a secco, prendi un ramettino con gli "ospiti" e vai in un negozio/consorzio agrario e fatti dare qualcosa di appropriato.
    Io uso il macerato d'ortica (un po' per tutto ...) che è assolutamente bio e assolutamente efficace.

    RispondiElimina
  10. salve mi serve un consiglio, io coltivo i pomodori in vaso e ho notato che le foglie basse stanno ingiallendo. E' da un po che non do il concime perchè piove sempre e io ho quello liquido da diluire in acqua. cosa può essere? grazie

    RispondiElimina
  11. grazie per il consiglio..sei un gentilissimo matto !!! :XD

    RispondiElimina
  12. Matto grazie mille, la foto è davvero utile, insieme a tutte le spiegazioni...peccato che io sia arrivata tardi a sapere che dovevo fare questa operazione!
    ora vorrei sapere se posso recuperare: le mie piante saranno alte ormai 40 cm e non sono certamente a stelo singolo, anzi! ho letto che quando la pianta è già ben sviluppata è meglio non intervenire...che faccio lascio tutto così o posso ancora rimediare un po?!
    grazie mille
    matilde

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Imparare dagli errori - cimare i pomodori

Il biotrituratore.