"Varda che ...

... che te gha da 'ndar in te l'ort!" o, tradotto: "Guarda che devi andare nell'orto!".
Ho voluto che la prima frase proferita dal computer fosse questa. Forse solo perchè ero stufo di smanettare e sentivo la necessità di aria fresca, o forse perchè avevo bisogno che qualcuno mi destasse dall'ipnosi da schermo e mi riconducesse al mondo reale.
Finalmente inizio a smarcare piccoli frammenti di cose da fare.
Festival e Mbrola sono "operativi" ed il computer è in grado di parlare. Non dice ancora molto, ma ci sto lavorando su.
Inesorabilmente, quando si raggiunge un obiettivo, subito altri 5 o 6 si sgomitano tra loro per quale deve avere la priorità e deve essere il prossimo ad essere raggiunto. Ma per il momento possono aspettare.
Il tempo sta volgendo al peggio. I temporali hanno abbassato la temperatura ed il cielo è tornato di un colore a metà stada tra il piombo e il "stagnodiWedelcopertodipollini", con un tocco di polveroso. Speriamo che torni il caldo o la vedo male per le colture.
Il nanetto e la sorella godono delle fragole e lamponi che trovano quotidianamente sul tavolo all'ora di colazione. È bello vederli felici per queste piccole cose!

Commenti

  1. il caldo è arrivato qui e picchia forte...

    RispondiElimina
  2. Siii! ora anche il computer deve parlare! a me basta la moglie e avanza:-)
    I temporali da noi sono un lontano ricordo, adesso si muore dal caldo.

    E' bello sapere di un genitore felice che i proprì figli siano felici per quelle piccole cose.

    RispondiElimina
  3. non oso andare a vedere cosa è successo nell'orto, domani mi armo di tutto il mio coraggio e vado a fare la conta delle vittime! cat

    RispondiElimina
  4. @harlock: eh, ma questo parla CON PARSIMONIA e non mi racconta tutte le str....te che mi propina la moglie quando torno a casa dal lavoro. Si limita a ricordarmi le cose, ad avvisarmi di qualche problema che ha etc. etc.
    @ cat: vezzo, non so dove hai l'orto te, ma il mio vecchio dopo la grandinata di ieri era pronto al peggio ed invece lungo l'Adige non ne è caduto neanche un chicchino. In bocca al lupo! danni a casa? Da "noi" qualche finestra rotta e tapparelle "luparate".

    RispondiElimina
  5. urka..
    deve aver fatto belle grandinate se, come riportano, si sono rotti pure i pannelli solari!!

    qui sole a piombo e nei parchi praterie indomite di "erbacce" (non mi piace la parola..).
    e pomodori invasati felici e grassi.
    incrociamo le dita e beviamo parecchio (Aehm.. acqua!)!

    RispondiElimina
  6. PS ed è bellissima l'immagine dei tuoi figli a tavola, felici di lamponi e fragole!!!

    RispondiElimina
  7. bellissimo blog, da inserire tra i preferiti

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Imparare dagli errori - cimare i pomodori

Il biotrituratore.