giovedì 22 gennaio 2009

Ma che bella idea ...

... sarebbe dotare tutti i cittadini di una casella di posta elettronica per comunicare con la PA ...

MA
- come la mettiamo con l'hardware? Se ho la casella di posta, ma non il computer/palmare/sistemaelettronicoastrattamenteidoneoallaricezionedeimessaggi, come la leggo la posta?
- come la mettiamo con mio suocero, più che ottantenne, pluriinfartuato, che già ha i suoi problemi a far funzionare la TV, non si avvicina al forno o alla lavatrice perchè le ritiene macchine infernali ... se gli parli di posta elettronica mi fa un altro infartino!
- come la mettiamo con le classi sociali che più avrebbero bisogno di comunicare con la PA e che meno hanno la possibilità di farlo?
Le solite belle idee del ...

3 commenti:

  1. Semplice, si crea una nuova figura professionale, il lettore-scrittore di e-mail, gli si assegna un ufficio in comune/provincia/quelchevuoi, poi si indice il concorso pubblico per l'assegnazione del posto, quindi si stabiliscono gli orari di accesso allo sportello, (etc etc etc) e il problema e' risolto, no?

    Non sarebbe la prima volta nella storia, burocrazia a parte.

    RispondiElimina
  2. Ma certo!!!
    E come non pensarci! E così si creano anche almeno 100.000 posti di lavoro, no???

    Già, ma poi ...
    non dovevamo diminuire il costo della PA? E tutta 'sta gente da pagare, come la mettiamo se lavora per i comuni???

    Meglio una società ad hoc incaricata del servizio.

    Fortuna che il tutto è per snellire i rapporti tra cittadino e PA ....

    RispondiElimina
  3. si potrebbe sempre cercare di alfabetizzare in maggior numero di nonni possibile. Magari usando per maestri degli altri nonni che hanno un pò più di dimestichezza col pc. Davanti a un bicchiere di vino e alla stessa pastiglia per la pressione si eviterebbe il "panico" da docenza.

    RispondiElimina