Tempo!

Il lavoro non mi da tregua. Mi sta appresso anche il fine settimana.
Sento il suo fiato sul collo ... il suo incalzare sordo alle mie spalle e quando mi volto per vederlo, improvvisamente me lo trovo affianco, davanti, sopra e sotto.
I ritmi sono intensi. Troppo intensi.
Parto col buio, arrivo col buio.
Parto che tutti dormono, arrivo che tutti dormono.
ECCHEPALLE!!!
Il tempo è il vero lusso di queta epoca. Tutto il resto è futilità.
Mi sa che l'avevo già scrito da qualche parte, ma ora più che mai ne sono convinto.
Intanto l'orto segna il passo.
Non riesco a sarchiare la terra intorno alle fave ed alle cipolle; non sto andando avanti con le semine e quelle che avevo fatto in casa sono andate a farsi benedire.
Devo riprendere il controllo.
Domani VACANZA!

Commenti

  1. A me succedeva la stessa cosa 15 anni fa,mi sono fermato,il lavoro e i soldi non sono tutto,c'è la famiglia e l'orto ,appunto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Imparare dagli errori - cimare i pomodori

Il biotrituratore.