venerdì 4 luglio 2008

Respiro, ergo vivo.

La fase negativa sta finendo e forse ho pure messo un punto alle mie peripezie informatiche.
No. Non vuol dire che smetto di giocare col computer, vuol dire che forse ho trovato una soluzione "valida" alle mie esigenze.
Cosa centra con l'orto? Centra, centra....
Ho mandato in pensione Misterhouse, che non sono riuscito ad installare con la facilità che speravo e ho aperto le porte a OWFS, una soluzione molto più ... come dire ... fai-da-te.
Che novità eh?? Se non si smazza di saldatore e di codice, qui non si è mai contenti!
OWFS è un progetto open-source di automazione basato sul protocollo 1-wire (OW sta per One Wire) ideato dalla Dallasvattelapesca, che c'ha messo anche l'hardware.
Vabbè, ma cosa centra con l'orto? Centra, centra....
Dicevo l'harware ... una serie di sensori/attuatori che si collegano con due fili (sì, anche se si chiama 1 filo, usa 2 fili) ad una interfaccia attaccata al computer. Il computer riceve i dati e ci fa quello che voglio io.
Sti c***i! Voglio sapere cosa centra l'orto! E mo te lo dico, se aspetti un attimo te lo dico!!
Primo step: raccolta di dati meteo (temperatura, umidità, vento, precipitazioni)
Secondo step: sulla base dei parametri meteo, il computer decide se e quando dare da bere all'orto e calcola quanta acqua va consumata.
Terzo step: il computer decide se l'acqua del bidone di raccolta dell'acqua piovana è sufficiente ad irrigare l'orto o se è il caso di attivare l'elettrovalvola collegata al rubinetto.
OK, il computer non raccoglie ancora i pomodori da solo (devo fargli due gambette alla Spongebob ...), ma almeno mi toglie alcune rotture di scatole. E posso andare via per qualche giorno senza dover temere che i pomodori schiattino.

13 commenti:

  1. Il computer può sostituirti nell'orto...
    mmm... ma sei sicuro che quando torni non trovi qualcuno nell'armadio?!
    E' meglio stare ad annacquare l'orto:-D

    RispondiElimina
  2. ok, ribadisco il concetto: ma 'n bel telino pacciamante su 'sti pomodori? troppo poco domotronico? ciao vezzo, cat

    RispondiElimina
  3. meraviglia!!
    aehm..
    speriamo Paolo non legga.. sennò mi ritrovo un orto pieni di misteriosi cavi e un pc che strilla "cima i pomodori! cima i pomodori! che debbo fare tutto io, qui?" :-)

    RispondiElimina
  4. Sei un mago...pensare che ci chiamavano "zappaterra"

    RispondiElimina
  5. mah...
    troppa tecnologia mi lascia perplessa e confusa ;-)
    a me basterebbe avere la possibilità di collegarmi ad internet dall'alpeggio (senza spendere un capitale), poi sarei già felice ;-)))

    RispondiElimina
  6. Ciao a tutti!
    @francesca: ... pardon, madame ...!?
    @harlock: sereno! Mentre il computer annaffia io sono libero ... e la moglie pure!
    @cat: eh, ci sto pensando al telino pacciamante ... il problema è un altro: ho bisogno di un campo di prova prima di portare la tecnologia dentro casa; l'orto è il luogo ideale per sperimentare, ma non è il luogo finale di applicazione della tecnologia.
    @verdugo: ma faglielo sapere a Paolo, che così si diverte un po'...
    @perozzi: scarpe grosse, cervello fino! Almeno coì dicevano una volta dei contadini. Io di cervello non ne ho molto, ma di scarpe grosse ne ho pieno un armadio.

    RispondiElimina
  7. Per opportuna conoscenza: il pomodoro è una delle poche piante che non ha paura della scarsità d'acqua. Possono stare molti giorni senza acqua senza soffrire. Direi che soffrono di più per eccesso d'acqua. IL clima attuale con piogge e temporali quasi quotidiani non gli fanno di certo bene.

    RispondiElimina
  8. @Marzia: in linea d'aria a quanto è dal primo paesino? Il paesino lo vedi?
    Se non sei a più di 5 km in linea d'aria e hai il collegamento ottico e in paese c'è qualcuno con un wifi ... se po fa!
    Altrimenti guarda se la zona dell'alpeggio sarà inclusa nel piano wimax di qualche ditta che ha ricevuto la licenza ...
    :-)

    RispondiElimina
  9. Wow! vedi che dovevo stare attento quando mi insegnavano informatica a scuola! Nel programma delle lezioni: LOTUS 123... il che, sublinalmente, deve avermi spinto ad una feroce propensione al low-tech ma a rimanere affascinato dai gadget high-tech.
    Ho un'amico che si occupa di domotica... ma quando viene da me mi chiede in prestito l'accetta e va a fare legna (sigh)
    Saluti

    RispondiElimina
  10. Ecco un altro matto! Un regalo, per me, dal mondo virtuale del web!! Ho trovato il tuo blog tramite pascolo vagante di Marzia: eccellente segno, la mano de Dios che mi guida...
    Ci presento: Corsaro del Gusto

    RispondiElimina
  11. Questo potrebbe essere interessante... la piantina ti telefona o manda un sms quando ha sete ;)
    http://www.botanicalls.com/kits/

    RispondiElimina
  12. Bello.
    Al momento sono un po' fermo sul lato "domotica". Lo tengo da parte per quando si riparte! Grazie.
    Alla fine penso che si possa fare con un sensore 1-wire della Dallas ....

    RispondiElimina