venerdì 26 ottobre 2007

Tempo di tirare le somme ....

Sono arrivati i primi freddi! Il termometro è già andato sotto un paio di volte ....
E con i primi freddi è tempo di inziare a fare ammenda di ciò che non ha funzionato quest'anno.
Il processo, ora che sono al computer, è complesso. Più complesso di quel che mi aspettavo quando ho iniziato a scrivere (30 secondi fa).
MALEDETTA IMPULSIVITÀ!!!
Quindi:
- stampare tutti i post dall'inizio dell'anno ad ora;
- pensare a cosa è successo, che tuttavia non sia stato annotato sul blog;
- rielaborare i fallimenti e determinarne le cause;
- predisporre un piano per l'anno prossimo.
E poi pubblicare le elucubrazioni (ovviamente!) ....

lunedì 1 ottobre 2007

Oltre ai cetrioli ....

... se ne sono andati anche i pomidoro! le piogge di luglio sono state fatali per le colture. MERDA!!!

lunedì 20 agosto 2007

Meglio tardi che mai - i mille usi del telo non telo

Un uso da considerarsi è quello anti-gatta.
La cara, piccola, dolce bestiola ama andare a "concimare" spazi di terreno tenuti sgomberi e morbidi (a suo avviso) solo per lei.
Per evitare che cercando di sotterrare quanto prodotto, la bestiola rivoluzioni quanto seminato o estirpi quanto sta germogliando coprire con il telo non telo la parte seminata finchè le piantine non abbiano raggiunto una dimensione tale da far apparire il terreno NON PIÙ IDONEO ad usi gatteschi.

Operazioni di tarda estate - esperimento 1

Andati i cetrioli, mi rimane un po' di spazio da riutilizzare.
Ho seminato ieri un po' di Feldsalat ... vediamo come andrà a finire!

martedì 14 agosto 2007

I cetrioli stanno andando

Colti da un fungo, stanno morendo!
La moglie si rifiuta di utilizzare il rimedio fornito dalla chimica moderna ....
Poco male! Libero spazio e metto giù un po' di cipolle da fare tardive ....

giovedì 2 agosto 2007

Raccolto

Mi ero ripromesso anche di tener traccia di quanto produceva l'orto.
orbene, mi rendo conto di essere un po' in ritardi e di aver già consumato qualcosa, ma cerco di tirare qualche somma, da ora in poi aggiornerò con maggiore precisione.

Cetrioli (freschi) 16 (conservare) 4
salvia (seccata) 1 vasetto
menta (seccata) 1 vasetto
cipolle 7 grandi molte piccole
fragole (consumo da fresco e non contabilizzato)
lamponi (consumo da fresco e non contabilizzato)

I pomidoro a testa in giù ...

Sempre sulla stessa rivista di cui sopra ho trovato un articoletto su come coltivare i pomidoro "a testa in giù", ossia messi a dimora sul fondo di un barattolo (di opportune dimensioni) che viene poi appeso ad un supporto.
La cosa mi è sembrata inizialmente un'"americanata", ma considerando la limitatezza dello spazio che ho a disposizione, direi che potrebbe essere una soluzione "non non-sense".
Bisogna considerare il costo del supporto e dei bidoni, ma la ritengo una cosa fattibile per l'anno prossimo.

Vegetable Planting Chart

Girovagando in rete ho scoperto un simpatico file. È tratto da una rivista (MotherEarthNews) del marzo/aprile 1970!
In un formato molto semplice dice quanto piantare, le misure, tempo di germinazione, tempo di prevedibile raccolta.
La cosa si fa interessante per quel che riguarda la pianificazione dell'orto, in quanto mi dà una scadenza temporale di riferimento per poter cambiare le colture ...

Una foto val più di cento parole ....

martedì 31 luglio 2007

Gestione dello scostamento

Ok, sono tornato sabato dalle vacanze. Incredibile cosa succeda in una settimana! I cetrioli sono straripati, la gatta ha messo a nudo le cipolle, i rovi sono carichi di more il cui peso li fa poggiare al suolo, le piantine di pomodoro della zona a 1/2 ombra sono striminzite ...
Quindi ripianifico un pochino:
- tiro su le cipolle (tutte);
- libero il terreno dalle piante che ritengo non produrranno un fico secco (due di cetriolo che erano state martoriate dalle lumache, i pomodori sfigati);
a questo punto ho un po' di spazio da riempire ....
- insalatina e carote da un lato e altre cipolle dall'altro?

Alla fine ho messo giù ancora un po' di carote (in cui poi è andata a ravanare la gatta, per cui non so come andrà a finire) e dell'insalatina. Per le cipolle aspetto e le tengo per l'autunno.

I cetrioli. Conservazione.

Avendo un discreto surplus di cetrioli, ho trovato una ricetta per conservarli. Ieri abbiamo aperto un vaso "di prova", per vedere se il prodotto finito è di gradimento della famiglia. Si direbbe di sì, per cui ..... PRODUZIONE!!!

venerdì 20 luglio 2007

Lotta "biologica" 0 - Veleno 2

Con le piogge di inizio luglio si è sviluppata la peronospera sui pomodori. Acquistato il verderame.

Quanti cetrioli ....



Uno degli scopi dell'annotare tutto sull'esperienza "orto" era quello di determinare quante piante delle varie colture fossero necessarie per colmare il fabbisogno della famiglia.
Orbene: 1 pianta di cetriolo è sufficiente per il consumo estivo della famiglia e per mettere da parte qualche vaso da utilizzarsi in inverno.
La pianta di cetriolo tende ad "espandersi", essendo rampicante. La prossima volta prepara dei treppiede su cui farle arrampicare.

lunedì 4 giugno 2007

Lotta "biologica" 0 - Veleno 1

Ahimè non ho resistito.
Dinnanzi allo sfacelo creato da quei "mostri" striscianti sono passato alle maniere DURE!!!
Ed i risultati si vedono .....

venerdì 20 aprile 2007

Maledetto tempo!!!!

Porka!
Pensavo che sarebbe passata quest'ondata di bassa pressione ... invece è arrivata anche la bassa temperatura (giusto per fare un gioco di parole)!
È il secondo giorno che mi sveglio con 0°C ... il che non e proprio il massimo per i miei cetrioli!
devo andare a prendere un po' di telo-non-telo!

mercoledì 18 aprile 2007

Lotta "biologica"

La lotta biologica alle lumache non ha pause: non ho fatto tempo a trapiantare il primo cetriolo che la mattina dopo già era "rosicchiato".
La soluzione (almeno per ora funziona) è quella delle "trappole alla birra": vasetti (piccoli) interrati fino al bordo e riempiti di birra (la più economica in commercio) ...
Tempo 12 ore e facevano già le prime vittime!

18 maggio 2007
La lotta continua, inesorabile! Dopo una serie di piogge le lumache hanno "mietuto" TUTTE le piantine di prezzemolo appena sbucate e il 90% delle piantine di carota.
Le trappole alla birra hanno poco effetto. temo dovrò comprare qualcosa di + drastico!!!!

Trapianti

Aggiornamento 24 aprile:
Le piantine iniziano a soffrire il caldo se stanno dietro alla finestra ... ho già avuto un paio di "morti"...
cerco di mettere a dimora tutto quello che ho.

Ieri ho trapiantato:
4 pomidoro ciliegino
11 pomidoro
1 peperoncino
2 cetriolo
... Con la fortuna che ho, oggi il tempo fa schifo e la temperatura è scesa DRASTICAMENTE. Siamo di nuovo a 4°C (06.30 del mattino) ....

L'altro cetriolo che avevo trapiantato si sta comportando bene ...

giovedì 12 aprile 2007

Sto finendo lo spazio ...

... non già quello dell'orto, quanto quello del davanzale dove metto le vaschette ...
Il problema non dovrebbe essere insormontabile perchè la temperatura esterna si sta portando su livelli accettabili...
Domani dovrei trapiantare qualcosa. Vedremo!

giovedì 29 marzo 2007

Costi: materiali di consumo

Aggiornamento 20 luglio2007
Verderame: 9€

Aggiornamento 06 giugno 2007
Veleno lumache: 6,3€

Aggiornamento 20 aprile 07
Telo-non-telo (10m * 2m di altezza): 9,9€

Aggiornamento 18 aprile 07
Birra per trappole: ,49€

Aggiornamento 12 aprile 07
Che vanno usate ASSOLUTAMENTE con un sottovaso!

Aggiornamento 2 aprile 07
Ho fatto la carta ... in parole povere non val la pena di sgrullarsi più di tanto.
La cosa migliore che si può fare è riciclare le vaschette delle uova.

Stavo pensando a come ridurre i costi per materiali di consumo e mi è balenata l'idea di produrre "in proprio" le vaschette per la semina utilizzando della cartapesta incollata con colla di farina ...

martedì 20 marzo 2007

AGLIO - prova1

Semina a 3 cm di profondità, punta rivolta in alto.
File distanti 30 cm con 8-10 cm sulla fila.
Terreno sciolto/sabbioso.
Raccogli in luna calante dopo che la parte aerea si è seccata.

Quantità seminata

39 basilico
9 cetriolo
6 peperoncino
12 salat "Mona"
12 feldsalat
14 aglio (terra piena)
48 cipolle bulbilli (terra piena)
6 vaschette menta
12 pomidoro
8 pomidoro ciliegino
13 peperoni
3 vaschette di crescione (n! semi)
6 sedano

Costi: semi

pomidoro 3,59
pomidoro ciliegino 3,59
peperoni 0,79
peperoncini 1,2
cetrioli 2,59
salat "Mona" 1,7
carote 0,8
cipolle semi 0,79
cipolle bulbilli 0,9
feldsalat 1,01
menta 1,2

Pianificazione: lavori preparatori

Autunno 2006:

concimazione delle piazzole con il compost 2006.

Febbraio 2007:

pulizia delle piazzole una volta che sono sgombere dalla neve;
rimuovo la parte di compost non perfettamente decomposta e venuta "a galla" per effetto del gelo;

preparo i vasetti da semina;
compro le vaschette per la semina (ideali quelle a 12 postarelle);
recupero i sottovaso per le vaschette (riciclare i contenitori dei tortellini);

compro il terriccio universale per la semina (l'anno prossimo devo cercare di ridurre questo costo, creando in proprio anche il terriccio da semina);

Ho notato che se setaccio il terreno prima di metterlo nelle vaschette, non ho problemi di attecchimento dei semi.

Pianificazione: massimizzazione

Sulla base dello spazio disponibile e sulla base delle informnazioni riportate sulle confezioni degli specifici ortaggi (distanza tra le file e sulle file), dovrei poter contare, contemporaneamente, su:
9 piante pomidoro
6 piante pomidoro ciliegino
43 piante cipolle
14 piante aglio
28 piante carote
6 piante peperone
3 piante cetriolo
6 piante lattuga
2 piante fragole
4 piante fragole di bosco
34 piante basilico
1,5 ml prezzemolo

Pianificazione: elenco colture

Pomidoro
pomidoro ciliegino
fagiolini verdi
fagioli borlotti
cetrioli
cetriolini
rabarbaro
piselli
rucola
cipolle
scalogno
alloro
rosmarino
aglio
carote
peperoni
peperoncino
melanzane
zucchine
sedano da costa
lattuga da taglio
finocchi
cicoria da taglio
spinaci
basilico
prezzemolo
timo
maggiorana
origano
salvia
citronella
menta
fragole
fragole di bosco
ribes rosso
lamponi
more

lunedì 19 marzo 2007

La pianificazione


Any gardener will tell you that gardening is one of the most absorbing and rewarding occupations you can undertake. Any gardener will also tell you - probably loudly and at length - that gardening requires patience, resilience, hard work, and a lot of planning.

Paperwork is probably the last thing you have in
mind when you think about growing your own vegetables. More likely you see yourself leaning contently on your spade as all sorts of lush, healthy plants shoot up in front of your eyes. The fact of the matter, though, is that gardening begins not with seeds and a spade but with paper and a pencil.

A successful vegetable garden begins with a well organized plan of your garden space. Drawing a plan may not sound as exciting as getting outdoors and planting things. But if you don't spend the necessary time planning what to grow in your garden and when and where to plant it, you may spend the rest of the growing season correcting the mistakes you made because you didn't have a plan. It's a lot easier to erase a bed when it's a few lines on a piece of paper than when it's an expanse of soil and plants.

Your plan should include not only the types and quantities of vegetables you're going to grow and how they'll be positioned in your garden, but also planting dates and approximate dates of harvest.

Making a plan may seem like a lot of work to get done before you even start gardening, but careful planning will help you make the best use of your time and available space and will result in bigger, higher-quality crops.

This article discusses all the questions you need to take into account when you're planning your garden - the hows, whats, whys, whens, and wherefores.

Come prima attività prendi carta e penna e disegna lo spazio che hai a disposizione. Un bel disegno in scala, dove indichi anche l'esposizione. Questi sono i limiti spaziali che hai e che devi tenere presente.

THE FIRST DECISION: WHAT TO GROW (AND HOW MUCH)
The first step to planning a successful vegetable garden is to decide which vegetables to grow.
Per aiutarti qui ci sono una serie di domande a cui rispondere ... rispondendo ti darai ulteriori limiti (non solo limiti le colture, ma anche limiti di spazio perchè, per una data coltura servono tot cm2 di area/pianta, il che va a definire il numero di piante che è possibile far crescere in un determinato periodo, nello spazio inizialmente definito)

What vegetables do you like to eat? The first decision to make in choosing what to grow in your vegetable garden is simple: What vegetables do you and your family like to eat?

What are you going to do with it? How do you plan to use your vegetables, and what are you going to do with the part of your crop that you don't eat as soon as it's harvested? Do you want to freeze, can, dry, store, or make preserves with some of your crop?

How much do you need? How you plan to use your vegetables directly affects how much of each vegetable you want to grow, and will influence your decision about the kind of vegetable you're going to plant - all carrots aren't alike, and there are hundreds of different tomato varieties.

Questa in verità è la domanda base di tutto il processo. Comunque penso che questo sia un'altro punto su cui lavorare: se prendo nota di quanto compro in un anno, dovrei avere piu o meno individuato il fabbisogno ed il tipo di coltura ...

Can you grow it? Not all vegetables grow satisfactorily in ail climates.
Qui mi sembra che l'autore dell'articolo sia un po' ... beh, mi sono capito! Basta andare al negozio all'angolo e guardare cosa vendono. Normalmente è quello che i clienti chiedono ed è quello che piantano ... quindi dovrebbe anche crescere!

Do you have room for it? There are plants that are rather like large pets - they're very endearing, but you just can't live with them because they're too big.
Qui si torna al discorso delle decisioni ... quale coltura per quale spazio ...

Una buona domanda, invece è
Is it worth the bother? Some vegetables require very little nurturing, and you can grow them with a
minimum of toil. Others require special attention and need to be babied. Celery and cauliflower, for example, have to be blanched - blanching is a process that deprives the plant (or part of the plant) of sunlight in order to whiten it and improve its flavor, color, or texture. Before choosing a crop that's going to need special handling, be sure you really want to give it that much attention. Some crops, too, are bothered a lot by insects or plant diseases - corn is one of them. If you're not willing to deal with these problems as they occur, this type of crop is going to cause you more disappointment than satisfaction.

Che è anche legato a quest'altra
Are you trying to save money? Another factor to consider when you're deciding what to plant the
practical matter of economics - is the vegetable worth growing, or would it be cheaper to buy it? Some vegetables are readily available and inexpensive to buy, but would produce only low yields from a large space if you grew them in your garden. Corn, for instance, is inexpensive to buy when it's In season, but in your garden it needs a lot of growing space and often only gives you one harvestable ear from a whole plant. You may decide not to grow corn and settle instead for a crop like endive, which is expensive in the store but as easy as leaf lettuce to grow.

How much is enough - or too much?
Your initial decision about the vegetables you'd enjoy growing and eating-and that you think you can
grow successfully In the conditions you have to deal with - is the first step to planning a well-thought-out, productive vegetable garden. But this is the point where you discover that you still have very little Idea of how much of each vegetable to grow. You know you want to eat some of your crop and freeze, pickle, or preserve some. But how many seeds should you plant to enable you to achieve those ends?
Se la matematica non è un'opinione, dato una certa superficie e data la superficie pro pianta, ottengo il numero dei semi che posso piantare contemporaneamente su quel pezzo di suolo. Il che non vuol dire che non ne posso, successivamente, piantare altri .... per arrivare alla quantità "fabbisogno" di cui sopra ....

Plan how to use your crop
Do you want to freeze, can, dry, pickle, or store?
There's more than one way to preserve a crop. You can freeze, can, dry, or make preserves and
pickles.
Qui andiamo un po' sul filosofico della spesa per la conservazione ... comunque può essere uno spunto.

fonte: http://garden-design.webgardenguide.com/Planning_your_garden___what_to_grow_and_how_much_5283_567_2.html

Mi serviva un posto ...

Per quanto spazio uno abbia, sembra che si abbia sempre bisogno di qualche metro quadrato in più!

O forse è solo questione di organizzare meglio i m2 che si hanno a disposizione ....
e di organizzare le colture nello spazio e nel tempo ...

Comunque dicevo .... mi serviva un posto dove poter avere organizzati in modo "chiaro" i dati sul mio "progetto orto". Attualmente sono sparsi tra il mio inseparabile MP2100 ed un'agendina tascabile ... a scriverlo così mi sembra un po' ossessiva/compulsiva questa mia necessità di ordine. Magari lo è anche ....

Al di là di tutto ho pensato che niente, meglio di un blog, può servire all'occorrenza. Io prendo nota di quello che mi interessa; se qualcuno vuole, interviene per fare i suoi commenti ed il risultato è quello atteso: collezionare conoscenza su un determinato argomento: nella fattispecie, l'orto.

L'orto ... perchè l'orto? Diciamo che il "progetto orto" si inquadra in un più ampio progetto di autarchia familiare ... la famiglia come unità produttiva, capace di soddisfare i propri bisogni fondamentali. Vedremo come andrà a finire ....